Voi, onesti farabutti

Senza la pretesa di diventare immortale o l’aspettativa di essere paragonata ad altro, concepita con un’estrema onestà intellettuale e una profonda intelligenza emotiva, questa raccolta di memorie è quanto di più leale e appassionato abbia letto negli ultimi tempi.
Veruska Armonioso su Satisfiction

Che cosa resta, una volta terminato Voi, onesti farabutti? Resta il senso di sconfitta violenta che la Storia ha inflitto a priori a un’intera generazione.
Matteo Pascoletti su Valigia Blu

 

Se io e il Ghelli fossimo due vini, oltre a unirci annata e terroir, saremmo due vini da contadini, di quelli che sì, un po’ di solforosa e di rame ci si sente, però insomma, anche genuini e adatti ai palati ruvidi.
Alberto Prunetti su Carmilla

Ciò che importa qui non è tanto additare i colpevoli o soppesare le responsabilità di ciascuno, quanto piuttosto l’opportunità di ritrarre, nei confini di una vicenda privata, l’attuale panorama di desolazione e l’assenza di prospettive future.
Umberto Mazzei su 404:filenotfound

La domanda che si (e ci) pone l’autore, cantando le gesta del nonno, il momento della sua scomparsa, è: chi porterà avanti la sua testimonianza? In questa ottica Voi, onesti farabutti acquisisce una valenza politica: il venir meno biologico del nonno sembra coincidere con la sparizione dei pilastri su cui si tiene la nostra repubblica: la lotta partigiana, l’antifascismo.
Demetrio Paolin su Il Manifesto

Per acquistare il libro: Caratterimobili

Versione digitale (euro 3.99)

Leggi qui tutte le altre Recensioni

2 pensieri su “Voi, onesti farabutti”

    1. Grazie Giovanni, sono contento che il libro ti sia piaciuto (e grazie alla recensione di Alberto che te l’ha fatto conoscere).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

"Ma una letteratura minore o rivoluzionaria comincia coll'enunciare, e vede e concepisce solo dopo" (Gilles Deleuze)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: