Archivi tag: luciano bianciardi

Prendere a calci – letterariamente parlando.

Il mio prossimo libro avrà a che fare con la memoria, e c’entrerà anche una gamba e il prendere a calci – forse per questo trovo  una certa aria di famiglia tra Tozzi e il primo Tabucchi, passando per Luciano Bianciardi e la sua Vita agra: qualcosa che ha senz’altro a che fare con la lingua toscana e con la terra grossa e dura che dalla Maremma s’incunea nel senese e digrada sulla costa: una terra calpestata per intero dagli anarchici.

 

Continua a leggere Prendere a calci – letterariamente parlando.

Con gli occhi sui libri, alzando il sedere dalla sedia

«Nell’antichità era il lettore che cercava il libro, mentre oggi il rapporto si è invertito: il libro cerca il lettore.»

Lo scriveva Luciano Bianciardi nel 1957, il libro è Il lavoro culturale.

Nello stesso testo si parlava già anche del fatto che tutti volessero scrivere, pubblicare il loro libro (ma poi ai dibattiti, ad ascoltare, non ci voleva stare nessuno: come nell’incontro sui pellerossa, quando i due relatori milanesi scappano via perché devono lavorare).

Sono passati più di cinquant’anni e le proporzioni si sono indubbiamente moltiplicate, così che siamo arrivati all’istituzionalizzazione dell’editoria a pagamento e all’esplosione del fenomeno del self publishing. Continua a leggere Con gli occhi sui libri, alzando il sedere dalla sedia