Che cosa raccontare?

L’incapacità di comprendere la complessità in cui viviamo.
La percezione di un baratro che si spalanca senza darsi a vedere.
Questo corpo sociale senza cartilagini, che fa frizione e stride, ma poi non va in frantumi e si calcifica ovunque.
Cosa significhi sentirsi presi nel mezzo, vittime dell’urto, e al tempo stesso spettatori impotenti e adirati, la cui furia sia rivolta tutta in se stessi.
Il corrompersi degli organi, l’annichilimento a cui l’individuo si adegua.
La macchina che incessantemente ci digerisce.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...