Per leggere non leggevano

maceroQuello che segue è un racconto inedito che lessi in occasione dell’edizione 2012 di Librinnovando

Il problema era che non leggevano. Per scrivere, ormai sapevano scrivere tutti; ma non leggevano. E soprattutto, pretendevano che li si leggesse. Addirittura si arrabbiavano, se non li leggevi.

Il racconto è stato pubblicato su Minima et Moralia, potete continuare la lettura al seguente link

Annunci

2 pensieri su “Per leggere non leggevano”

  1. beh, la prima metà del racconto, cronaca vera, è asetticamente spettacolosa.
    poi però, verso la fine, diventa evidente che, sfogliandone il diario, hai contratto lo stesso virus delle persone anziane colte (in doppio senso) da illuminazione che traboccano di un ottimismo “stucchevole e condito d’amore universale” circa il futuro più o meno prossimo venturo dell’umanità.
    : )))))
    ohi, non rappresento certo un campione significativo (sia numericamente che nello specifico delle mie letture visto che Kafka è il mio secondo scrittore preferito dopo Vonnegut e che Dostoevskij e Camus abitano anch’essi la mia personalissima top 20), ma lo scenario da te prefigurato in chiusa lo vedo possibile solo come effetto collaterale neurotossico delle radiazioni in uno scenario post-bellico nucleare globale tipo “i sopravvissuti”.
    : )
    tornando ai giorni nostri, è evidente che esistono due principali tipologie di scrittori: i poeti (quelli che scrivono allo specchio, fini – fino al lezioso – a sé stessi, nonché bisognosi di comunicare che scrivono) e i prosatori (quelli che scrivono in strada, imperfetti fino all’umano, nonché bisognosi di comunicare storie). dopo aver precisato che non è il fatto di scrivere *in prosa* o *in poesia* che differenzia poeti e prosatori, concludo constatando che, grazie ad internet e ai social network, la prima tipologia di scrittori ha preso definitivamente il sopravvento, tanto che i prosatori si sono praticamente estinti.
    beh, comunque grazie degli spunti di riflessione e del bel racconto offerto.
    ciao, forse fratello dodo.
    : ))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...