Il rabdomante – tentativi di scavare con l’uso della parola /2

Senza quest’Io dispotico avrei inoltre finito un sacco di cose, di progetti: avrei perso la mia identità insieme alla mia lingua, soprattutto.
Il guaio è che si è formato in condizioni del tutto anomale, quando dopo soli tre giorni di vita – in un periodo in cui per gli psicologi non esiste nessun Io, temo – si è ritrovato miracolato con l’ausilio della magia popolare.
Ero appena nato e già dovevo affrontare la prova più terribile che la vita possa apparecchiarci: quella con la vecchia e cara morte.
Mi presi insomma le convulsioni, e per certo non ricordo nulla, se non quel che mi ha tramandato mia madre dai suoi racconti; e sarà per questo che il mio Io ci ha edificato intorno tutta una mitologia che lo ha trasformato fin da subito in un essere viziato e supponente, senz’altro troppo pieno di Sé. Soprattutto per via della storia dell’acqua corrente, dove mi fecero lavare il capo; di quella resurrezione in mezzo ai pesci, che poi avrei amato così tanto da svegliarmi in certi giorni prima dell’alba solo per sentirli abboccare, per quello strappo alla lenza che ogni volta mi faceva salire lo stomaco in gola tanta era l’emozione di vederli saltare in superficie, tanta era la curiosità di scoprire ogni volta quale nome avrei potuto dar loro. Andavo per scogli, dove si nascondono i pesci brutti e per questo più saporiti, buoni soprattutto per la zuppa. Andavo per scogli, anche se la salvezza l’avevo poi trovata in un fiume.

Annunci

Un pensiero su “Il rabdomante – tentativi di scavare con l’uso della parola /2”

  1. Continuo la mia passeggiata fermando le immagini dello stato attuale della natura per tornare in seguito a constatare l’evoluzione di questo miracolo che di stagione in stagione si rinnova e mi convince ogni volta che questa vita è tutta da vivere, la natura è l’unica che non ti abbandona mai e non ti nega mai la speranza di un risveglio, di una rinascita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...