Farabutto d’uno scrittore /4

«Son tutti una massa di pecore».
«
Chi?»
«
I lettori, ché non mi comprendono!»
«
Ma è normale, te scrivi difficile».
«
E loro devono studiare di più!»
«
E per cosa? Per comprendere il tuo genio? E se poi tu non fossi così bravo come ti credi?»
«
Ah, non ti ci mettere anche tu, eh!»
«
Io mi ci metto e come, ma a volte fai quei discorsi così lunghi e arzigogolati e poi non è neanche lo stile, hai ragione… tu sei bravissimo a scrivere».
«
E allora che cos’è?»
«
Credo l’arroganza: sei troppo pieno di te, la tua prosa è piena zeppa del tuo Io».
«Sempre con questo storia della modestia!
E poi di che altro dovrei scrivere, al giorno d’oggi, se non di me stesso?»
«
Ah, non lo so. Allora sarà che forse i lettori non ti trovano così interessante…»

Annunci

2 pensieri su “Farabutto d’uno scrittore /4

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...