Conversazione sul racconto

La forma-racconto da sempre bistrattata in Italia sta vivendo una vera e propria rinascita. Secondo te il merito va ricercato nella riscoperta di una certa letteratura anglosassone e americana? Cos’è per te il racconto, amore per il dettaglio?

Sinceramente non so se si tratti di una vera rinascita, ma di certo il mercato italiano non ha una gran propensione per il racconto (per quanto abbiamo avuto grandi maestri). Più che agli esempi stranieri, mi viene da pensare agli spazi offerti dalla rete, dove il racconto breve ha senz’altro trovato nuovi spazi. Forse pesa anche il pregiudizio che vede nel romanzo la prova di maturità di uno scrittore, come se si trattasse di una questione di quantità – va bene che la scrittura è a suo modo una forma di esercizio fisico, ma non si tratta di fare a gara a chi alza più pesi come in palestra. Questo per dire che raccontare una storia in dieci pagine o in duecento non è affatto la stessa cosa. Per me la forma racconto è stata e continua a essere fondamentale; certo, anche per la possibilità di soffermarsi sul dettaglio, e quindi sulle sfumature della lingua. Tornando ai riferimenti cinematografici, il racconto potrebbe essere paragonato a un’inquadratura (alle relazioni tra gli elementi al suo interno) o anche a un unico piano-sequenza (a un precipitato di mondo che si riesce a cogliere in pochi minuti).

Qua potete leggere l’intera intervista a cura di Matteo Chiavarone su Flanerì.

Annunci

2 commenti

  1. Ambrose Bierce diceva che il romanzo è un racconto gonfiato.
    A me, che interessa il senso compiuto più che le descrizioni, il racconto pare rappresentare, rispetto al romanzo, un guadagno di tempo e un risparmio d’incavolatura quando il risultato dell’aver letto non è stato corrispondente alle aspettative di colui che ha letto. Per le stesse ottime ragioni, a una scopata che ricorda il segare un albero, preferisco l’eiaculazione precoce… 😀

  2. @Massimo: diciamo che sono due strade diverse: a volte è bello anche perdere un po’ di tempo, dipende dalle esigenze 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...