Il miglior strumento dello scrittore è il temperino

Lo so che non si usa per scrivere, a meno di non ricorrere non dico ancora alla penna, in tempi di personal computer, ma addirittura alla matita. L’immagine del temperino, però, mi serve per parlar d’altro: della necessità di uno scrittore di affinare la lingua, e dunque anche del coraggio di mettere da parte la gran parte di ciò che scrive. Mi sembra infatti che sia un’abitudine sempre più comune, quella di voler pubblicare qualsiasi cosa: un’abitudine agevolata dall’editoria a pagamento e fomentata dalla possibilità di esporsi in prima persona dell’autore. Non si può di conseguenza non pensare a Facebook, alla vetrina per eccellenza, dove ognuno promuove i propri eventi, le presentazioni (chi non lo fa?). Il rischio, però, è di far passare la vita avanti alla scrittura, il cosa penso al come lo penso. Certo, l’evoluzione degli status del social network più famoso del mondo potrebbero divenire oggetto di studio in un prossimo futuro, come di un genere a parte, ma in questo accumularsi di materiali io fatico sempre di più a ritrovare la bussola; e non penso di essere il solo. Ecco quindi tornare l’utilità del temperino, che ci viene incontro nella dolorosa operazione di rimuovere il superfluo: a cominciare proprio da quest’io, che sembra sbrodolarsi ovunque, dentro e fuori dalle pagine. Lo consiglio soprattutto ai principianti, ancora immuni al vizio: stemperatevi, finché siete in tempo.

Annunci

4 commenti

  1. Si, un genere a parte … si.
    Resto convinta del fatto che, rispetto alla sensibilità verso gli stimoli più o meno intensi, questa metafora del temperino in quanto idea della limatura, del lavoro di revisione etc etc. perda un pò di senso. Se la macchina funzionasse a prescindere, come ben dici, non ci sarebbe neanche il bisogno di porsi la questione. Il problema per me sta nel fatto che sia possibile monetizzare e trasformare in un servizio l’atto editoriale della pubblicazione. Dovrebbe avere senso pubblicare e leggere libri che valga la pena leggere per muovere idee, pensieri, comportamenti…cultura no! … se posso potenzialmente scrivere una qualsiasi cagata pagando, quello che fornisco è solo caos, l’esatto contrario dell’obiettivo sperato.

  2. Se applichi la metafora del temperino anche al di fuori della scrittura, ad esempio tra i critici e gli editori, vedrai che funzionerà meglio 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...